[REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA] Agricoltura: Shaurli, sinergie fondamentali per nuove sfide

da

Trieste, 4 lug РLa sinergia con le organizzazioni agricole ̬
importante per poter consentire al settore primario di affrontare
con efficacia e preparato le nuove sfide che attendono gli
imprenditori agricoli per i prossimi anni.

Lo ha ribadito l’assessore regionale alle Risorse agricole,
Cristiano Shaurli, intervenuto a conclusione dell’assemblea dei
delegati di Confagricoltura Fvg svoltasi a Manzano.

Shaurli ha ricordato l’importanza che la Regione ha assegnato in
questi anni alla concertazione con le rappresentanze di tutte le
componenti del mondo rurale per consentire all’agricoltura del
Friuli Venezia Giulia di fruire degli incentivi, rivolti
soprattutto ai giovani, per gli investimenti nel settore primario.

L’assessore ha quindi posto l’accento sulla scelta, rivelatasi
efficace e si ritiene condivisa, di finanziare e puntare molto
sulla legge 80, il fondo di rotazione per il settore rurale, che
rappresenta uno strumento snello, veloce e spesso privilegiato
per assicurare il sostegno alle aziende agricole che intendono
investire sul proprio futuro.

Le misure del programma di sviluppo rurale, comunque già attivate
per oltre il 60%, saranno in parte aggiornate per meglio
rispondere alle richieste del mondo agricolo e, ha evidenziato
Shaurli, se spetta principalmente allo Stato decidere come
risolvere le criticità provocate dalla farraginosa operatività
dell’Agea, non mancheranno le prese di posizione regionali per
ritardi che ormai riteniamo inaccettabili.

Per questo motivo, Shaurli si è rivolto anche al presidente
nazionale di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, per
affrontare insieme criticità e opportunità con una moderna
politica agricola.

In precedenza, Giancanti, aveva ricordato che l’organizzazione
agricola da lui presieduta assicura in Italia lo svolgimento di
23 milioni di ore lavorative l’anno, rappresenta 150mila
produttori e costituisce dunque l’associazione del mondo agricolo
più consistente.

ARC/COM/fc

Fonte: Regione Friuli Venezia Giulia